[33], Nel dicembre 2019, l'ad Mustier ha annunciato la riduzione di 5.000-6.000 maestranze e la chiusura di 450 filiali entro il 2023.[34]. L’istituto ha quindi ritenuto opportuno chiudere le filiali più piccole per via del drastico calo fisico dei clienti, che dovrebbe essere confermato anche dopo la fine dell’emergenza sanitaria. Il 29 gennaio 2018 viene lanciata sul mercato italiano buddybank. Per convalidare l'accordo manca ancora il nulla osta della Commissione di Supervisione bancaria (Knb). [24], L'8 agosto scompare il presidente del cda Fabrizio Saccomanni; in sua sostituzione viene nominato Cesare Bisoni, già vicepresidente di UniCredit. [32], Il 6 febbraio 2020 nel Quartier Generale di UniCredit Tower in Milano il Gruppo diffonde i dati di bilancio riguardanti l'anno 2019. Durante l’incontro con i sindacati, infatti, l’istituto ha presentato un percorso per l’uscita su base volontaria di 1.500 lavoratori, con accesso alle prestazioni del Fondo di solidarietà del settore del credito per l’accompagnamento alla pensione. Veneto Banca è stato un istituto di credito con sede a Montebelluna, in provincia di Treviso, in liquidazione coatta amministrativa dal 25 giugno 2017 a seguito del Decreto-legge n. 99/2017.. Buddybank è la prima banca “mobile only” disegnata esclusivamente per i prodotti Apple con sistema operativo iOS ma poi viene sviluppata pure su Android: l’app ufficiale del servizio è disponibile sui dispositivi Android, iPhone, iPad e iPod Touch. La responsabilità di UniCredit, fa sapere in una nota la Federal Reserve, è di aver avviato "pratiche non sicure relative a controlli inadeguati sulle sanzioni e a una supervisione inadeguata delle sue sussidiarie". La decisione del Coni, che tramite il suo presidente Giovanni Malagò si appresta a candidare formalmente il duo Milano-Cortina per le Olimpiadi 2026 sta scatenando una bagarre politica che rischia di lasciare il segno negli attuali equilibri istituzionali del Governo targato Lega-Movimento 5 Stelle. [23] Due mesi più tardi, in luglio, cede anche l'ultima quota per 1,1 miliardi. Dal 1º novembre 2008 fino al 1º novembre 2010 è stata attuata una strategia volta a consolidare tre banche territoriali: La fusione ha portato nelle casse di UniCredit un ulteriore 9% del capitale di Mediobanca in aggiunta al 9% che già possedeva. L'operazione segna il passaggio della titolarità ad un operatore per il quale la legge commerciale austriaca del '94 non prevede l'obbligo di una specifica licenza bancaria[17], e che con una rete di 38 filiali già deteneva una quota pari al 90% del proprio mercato nazionale di riferimento. In questo quadro rientra la “semplificazione del modello operativo” con la chiusura di 100 filiali e la riduzione di 2.670 dipendenti. La banca, unica in Italia ad essere considerata di rilevanza sistemica globale, conta oltre 26 milioni di clienti e circa 80.000 dipendenti nei 13 principali mercati in cui opera (Italia, Austria, Germania ed Europa centro-orientale) e dispone di una vasta rete internazionale di uffici rappresentativi e filiali in altri 18 paesi nel mondo. Il fatturato ha raggiunto quota 19,7 miliardi di €, mentre l'utile netto è stato pari a circa 3,9 miliardi di €. [25], Il 6 novembre UniCredit comunica la decisione del consiglio di amministrazione di collocare sul mercato verso investitori istituzionali l'intera partecipazione detenuta in Mediobanca (8,4%). La Commissione europea, in risposta ad un'interrogazione europarlamentare riguardo alla vicenda, il 21 ottobre 2010 ha concluso che <>.[5]. La soluzione cloud computing su misura per professionisti e PMI. L’istituto ha quindi ritenuto opportuno chiudere le filiali più piccole per via del drastico calo fisico dei clienti, che dovrebbe essere confermato anche dopo la fine dell’emergenza sanitaria. Sono rimaste a sé: FinecoBank con sede a Milano, banca specializzata nel trading on line; UniCredit Factoring, specializzata in operazioni di factoring e UniCredit Credit Management Bank, società del Gruppo specializzata nella gestione dei crediti insoluti (NPL) che è stata venduta il 1º novembre 2015 ad una cordata rappresentativa del gruppo americano Fortress, rinominandosi doBank S.p.A.. Il 2011 doveva essere un anno di transizione per UniCredit, ma la crisi estiva dei debiti sovrani europei porta al crollo delle azioni UniCredit che dal 16 febbraio al 16 settembre perdono il 63% del loro valore. Per evitare di alterare gli equilibri all'interno del patto di sindacato di Mediobanca, UniCredit si è impegnata a cedere ai componenti del patto la quota portata in dote da Capitalia. Buddybank si basa su un modello di funzionamento conversazionale: i clienti possono dialogare con la banca e ricevere assistenza 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 attraverso un sistema di chat. Alla fine del 2019 il numero di dipendenti del Gruppo UniCredit era pari a 84.245 unità. UniCredit (fino al maggio 2008 UniCredito Italiano) è un gruppo bancario paneuropeo. Se soddisfi questi requisiti puoi recarti in filiale e aderire al Servizio di Banca Multicanale di Unicredit; Trova quindi la filiale più vicina a te: vai sul sito web unicredit.it, cerca l'area "Contatti e Filiali" e inserisci indirizzo e civico di casa tua alla sezione "Ricerca Filiale e Sportello Automatico (ATM)". Il rimanente 7,3% del 40,1% complessivo ancora in mano a UniCredit è finito invece sul mercato tramite equity linked certificate per un controvalore di 500 milioni di euro. Il 12 marzo avviene la conversione obbligatoria delle 252.489 azioni di risparmio. Nell'assemblea straordinaria del 4 dicembre 2017 viene eliminato il limite del 5% all'esercizio del diritto di voto, il Consiglio di Amministrazione ottiene la facoltà di presentare una propria lista di candidati alla carica di Amministratore con un incremento del numero degli Amministratori tratti dalla lista di minoranza, le azioni di risparmio vengono convertite obbligatoriamente in azioni ordinarie, e la sede sociale viene trasferita da Roma a Milano, dove è già presente la direzione generale. Tra il luglio e il settembre 2002 le sette banche di prima vengono fuse, secondo la prima fase del "progetto S3", in Unicredito Italiano, e le attività bancarie vengono scorporate in Credito Italiano. A partire dal 7 novembre, nel mondo F&SME (Famiglie, Privati e Piccole Imprese) è stata attuata una politica di razionalizzazione dei distretti operativi, in modo da rafforzare la vicinanza con il cliente. Contestualmente è stato dichiarato un esubero di 5200 dipendenti per l'Italia. © Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. [3], L'OPA ebbe conseguenze importanti in Polonia. Sempre nel 2003 vengono fuse in UniCredit le già appartenenti al gruppo: Banca dell'Umbria (ex Cassa di Risparmio di Perugia) e Cassa di Risparmio di Carpi. Il tutto in virtù di una forte crescita del digital banking e di un conseguente calo degli accessi fisici in filiale. È quanto denuncia il Coordinatore Fabi Sicilia, Carmelo Raffa, evidenziando come nonostante le proteste di cittadini e di importanti Istituzioni regionali, quali Ars e Anci, le banche hanno continuato e continuano a chiudere le proprie filiali nei piccoli Comuni creando difficoltà a persone anziane e più deboli. Min. È anche previsto l'ulteriore sviluppo delle attività digitali della banca, con lo scopo di rendere UniCredit una banca paperless nei servizi alla clientela già a partire dal 2020 e migliorarne l'efficienza; le implementazioni tecnologiche dell'istituto comporteranno, secondo i punti previsti nel piano, la chiusura di 500 filiali (di cui circa 450 in Italia) e la riduzione di 8.000 dipendenti (di cui circa 5.000 in Italia, il 68% dei tagli) e la restante parte delle riduzioni di sedi e dipendenti in Austria e Germania.[27][28][29][30]. [20], Nell'aprile 2019 il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti annuncia di avere raggiunto l'accordo con il Gruppo UniCredit che pagherà complessivamente 1,3 miliardi di dollari per avere effettuato transazioni con l'Iran, paese sottoposto a sanzioni. Il 1º novembre 2010 le società UniCredit Banca, UniCredit Banca di Roma, Banco di Sicilia, UniCredit Corporate Banking, UniCredit Private Banking, UniCredit Family Financing Bank, UniCredit Bancassurance Management & Administration fanno parte integrante del gruppo UniCredit Spa a seguito di delibera del CdA del 13 aprile precedente, approvata dalla Banca d'Italia il 25 giugno successivo, con trasferimento di tutti i rapporti in capo a UniCredit Spa; ove continuino a essere presenti, i marchi citati hanno solo scopo commerciale. In pratica con una semplificazione della struttura societaria del Gruppo, si è cercato di accrescere la vicinanza ai territori e alle comunità in cui UniCredit opera. Il 17 novembre 2005 UniCredit annunciò di aver raggiunto il 93,93% di adesioni all'Offerta Pubblica HVB. Profumo quindi esce di scena, ricevendo comunque una buonuscita davvero rilevante, che ammonta a 40 milioni di euro[9], di cui 2 verranno dati dall'ex Amministratore in beneficenza. Insieme a quella parte del Pd e di Italia Viva che teme anch’essa una valanga di esuberi con un matrimonio Mps-UniCredit, il M5S continua a portare avanti il piano B per Mps. Per i dipendenti che resteranno, infatti, Banco BPM prevede una serie di iniziative formative che avranno l’obiettivo di tendere alla riqualificazione professionale, così da rafforzare le competenze delle persone “nel mutato scenario di riferimento”, recita una nota dell’istituto. Entro fine anno sarà varato il nuovo piano industriale, mentre un nuovo aumento di capitale diventa praticamente indispensabile. In quel paese UniCredit (Gruppo Unicredito) controllava già la Bank Polska Kasa Opieki Spólka Akcyjna (Bank Pekao S.A.), acquistata il 23 giugno 1999, mentre Austria Creditanstalt AG controllava Bank BPH con il 71,03% delle azioni. Nel 1999 entrano nel gruppo Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto (Caritro) e Cassa di Risparmio di Trieste, la quale giusto vent'anni prima, nel 1979, aveva incorporato la Cassa di Risparmio dell'Istria di Pola, con sede provvisoria in esilio a Trieste. Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia. A giugno sono scesi a 1.808 (di questi, 1.752 sono di Banco BPM mentre gli altri appartengono a Banca Aletti e Banca Akros). Organizzazioni non governative come Greenpeace e la Campagna per la Riforma della Banca Mondiale hanno criticato UniCredit per la sua intenzione di partecipare a ben due consorzi (uno direttamente e uno tramite HypoVereinsbank AG) che partecipano alla gara d'appalto per la realizzazione del progetto di centrale nucleare di Belene, sito soggetto a forte rischio sismico, nel nord della Bulgaria. Nel frattempo prende corpo e sostanza quello che viene definito il nuovo modello organizzativo ONE4C ("Insieme per i clienti"). La raccolta da clientela ha raggiunto quota 420 miliardi di € (+5,1%). [26], Il 3 dicembre 2019 al Capital Day Market di Londra il CEO Jean Pierre Mustier presenta il Team 23 - Piano Strategico UniCredit 2020-2023, progetto industriale e finanziario di durata quadriennale al termine del quale il gruppo bancario mira a restituire ai propri azionisti una cifra pari a 8 miliardi di euro (2 miliardi dei quali attraverso buy-back, ossia riacquisto di azioni proprie), generare valore per 16 miliardi, un fatturato attorno ai 19 miliardi, un utile netto di 5 miliardi, il proseguimento delle attività di smaltimento dei crediti deteriorati (NPL) con esposizioni creditizie deteriorate (NPE) inferiori a 9 miliardi, e la cessione di una quota del 9% della partecipazione nel capitale della banca turca Yapi Kredi (della quale UniCredit possiede attraverso una joint venture il 40,95%); nel piano era inizialmente prevista la creazione di una subholding, con sede in Italia, che avrebbe avuto principalmente il compito di accorpare le attività di UniCredit in Germania, Austria ed altri Paesi dell'area centrale e dell'est Europa dove l'istituto creditizio italiano è presente.